Copertina flessibile, rigida, e-book

Il corpo di una ragazza, deceduta improvvisamente durante un intervento chirurgico, viene sottoposto ad autopsia. Il mattino successivo, quando uno degli assistenti del medico legale entra nella sala autoptica, scopre che il cadavere è sparito.  Tre giorni più tardi il corpo della giovane, abbigliato con biancheria sexy di gran pregio, viene ritrovato sul tavolo settorio dal quale era stato prelevato. Il volto è truccato e i capelli sono stati acconciati. L’autopsia rivela un abuso post mortem. Gli inquirenti, oltre a chiedersi chi possa aver commesso un gesto tanto orribile, devono anche capire come sia riuscito il responsabile a entrare così facilmente in quel laboratorio per ben due volte e senza lasciare alcuna traccia. L’inchiesta, che inizialmente appare intricata e difficile, si risolve in pochi giorni, anche se l’ispettrice Rosati nutre qualche dubbio in proposito. I fatti sembrano darle ragione. Quando tutti hanno ormai tirato un sospiro di sollievo, quel genere di crimine non solo si ripete, ma inizia ad assumere dimensioni insostenibili, rimettendo in discussione le indagini e gettando scompiglio e paura all’interno del laboratorio.